Fotografare i paesaggi urbani

Fotografare i paesaggi urbani non è  fotografare monumenti, come farebbero i turisti  con la fotocamera a tracollo che girano in gruppo per le vie  della città.

Fotografare i paesaggi urbani, Donau City, Vienna

Donau City, modernissimo quartiere di Vienna. Photo by Jo Vittorio

 

Non basta nemmeno possedere una reflex super costosa con un  grandangolo  super luminoso. Niente di tutto questo.

 

Ma allora come posso fotografare i paesaggi urbani?

La risposta è molto semplice, per  fotografare i paesaggi urbani, dobbiamo cambiare radicalmente il modo di osservare tutto ciò che ci circonda. Imparare ad osservare ogni minimo dettaglio anche il più insignificante spesso è la chiave di svolta per ottenere una foto di successo.

In questa guida ti mostrerò le tecniche che ho appreso durante i miei viaggi, e come osservare alcune regole di base per fotografare i paesaggi urbani.

Il corredo fotografico

Personalmente quando sono in giro per la città preferisco viaggiare leggero. Quando esci per fotografare in città, dovrai camminare per la maggior parte del tempo. È molto faticoso camminare per le vie della città con uno zaino pesante,

Il mio consiglio è quello di portare con se solo ciò che si utilizzerà effettivamente. Una reflex apsc o mirrorless, filtro polarizzatore, scatto remoto, bolla, ed un piccolo treppiede, questo è il mio corredo.

Per fotografare i paesaggi urbani come ho già spiegato all’inizio dell’articolo,
non importa che tu abbia una Full-frame o APSC,   puoi realizzare bellissime foto anche con il tuo smartphone. Ricordati che la qualità di una foto si misura per qualità compositiva, non è la fotocamera che fa il fotografo.

Pianifica il tuo viaggio

Pianificare qualche giorno prima è fondamentale se si vuole portare a casa qualche scatto decente. Quando sono andato in Austria qualche giorno prima di arrivare a Vienna, ero molto indeciso su cosa dovevo fotografare.

Avendo a disposizione soli due giorni l’opzione era,  il centro storico o il nuovo quartiere di Donau City. Decisi Che sarei andato nel modernissimo quartiere di Donau City sulle rive del Danubio, anziché in centro dove mi sarei imbattuto quasi certamente in una folla di turristi.

DC-Tower Vienna

Il DC-Tower nel modernissimo quartiere di Donau City, a Vienna. Photo by Jo Vittorio

 

L’ora migliore per fotografare

Iniziamo con il dire l’ora peggiore per fotografare. In una giornata soleggiata, sicuramente mezzogiorno è da evitare, questa è una regola che vale quasi sempre per tutti i generi di fotografia.

Fotografare nel l’ora centrale del giorno significherebbe ritrovarsi con delle fotografie piatte che presenterebbero contrasti troppo marcati e con ombre durissime, a causa dei raggi del sole troppo perpendicolari.

Ma le regole sono fatte per essere infrante

Fotografare i paesaggi urbani spesso ci offre occasioni per realizzare belle foto anche a mezzogiorno.

Se volessimo Fotografare un edificio e creare dei contrasti molto accentuati, sicuramente l’ora centrale del giorno è perfetta, come la foto che ho realizzato qualche tempo fa a Castel Volturno nel Villaggio Coppola, foto scattata con uno smartphone.

Villaggio Coppola, fotografia di paesaggio urbano

Fotografia realizzata al Villaggio Coppola durante le ore centrali della giornata. photo by Jo Vittorio

Mentre se volessimo fotografare un panorama urbano In genere è preferibile scegliere le prime ore del mattino, o l’ultima mezzora della giornata, la così detta Golden hour. La luce  del tramonto rende l’atmosfera calda, le ombre si allungano, ed i colori cambiamo dal Rosso a viola, tutto nel giro di mezz’ora.

In questa fase è importante essere pronti per non perdere la luce giusta. Meglio fare un sopralluogo durante il giorno o arrivare qualche ora prima. Cercare  di comporre un immagine spesso è estenuante se non si è preparati.

Quando avrete individuato il luogo è cosa fotografare, non vi resta che arrivare con qualche ora d’anticipo, così avremo tutto il tempo per poter comporre la nostra inquadratura con tutta calma.

Trovare l’ispirazione giusta

Fotografare i paesaggi urbani non significa solo fotografare il  panorama della città. Una città offre il vantaggio  di essere variegata,  palazzi in stile vittoriano, modernissimi grattacieli, un fiume che attraversa la città è i suoi bellissimi ponti, persino un piccolo pontile con una barca ormegiata, ho un bellissimo castello medievale.

Insomma gli spunti non mancano di certo. Ciò che conta è ricordarsi sempre di pianificare. In ogni caso se non conoscete la città  fate una attenta ricerca su web, la storia della città, la cultura, e soprattutto le nuove opere architettoniche. Oppure basta recarsi nei siti di condivisione foto come 500px, e troverete molti spunti sul luogo che desiderate andare a fotografare.

La tecnica fotografica da adottare

Una volta che avrete individuato il luogo è cosa fotografare, non vi resta che aprire lo zaino con il vostro  corredo fotografico. Ricordati che le impostazioni che dovrai usare sono le stesse che si adottano per i paesaggi naturali.

La profondità di campo

Impostate diaframmi chiusi, da f/16 a f/10, questo vi garantirà una buona niditezza, ma soprattutto otterrete una maggiore profondità di campo .

Lunghezza focale

Generalmente è preferibile usare lenti grandangolari da 24mm o super grandangolari da 10mm, anche gli  zom da 10-20mm o 16-50mm sono eccellenti per la fotografia di paesaggio urbano.

Sensibilità degli ISO

Impostate gli ISO in manuale. Il sensore fotografico offre le migliori prestazioni su valori bassi a 100iso. Qui il treppiede è d’obbligo.

Lo scatto

Avendo cura di ancorare bene la fotocamera sul treppiede, usate un telecomando per lo  scatto remoto, se non l’ho avete potete avvalervi del timer. Iniziamo a fare una serie di scatti della stessa inquadratura ma con tempi e diaframmi differenti.

Conclusione

Con il tempo e la sperimentazione riuscirete a padroneggiare con la tecnica, anche il vostro occhio sarà allenato nel comporre un inquadratura, e i risultati non tarderanno ad arrivare.

Spero che questo articolo sia stato di aiuto a chiarire le idee su come realizzare delle belle foto partendo da una base. Questo non è un corso tecnico su come si fotografa, sono solo i miei suggerimenti del mio modo di fotografare. L’importante è divertirsi perché la vera fotografia la si fa per passione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *